Posticipi, ritardi, date annullate. Sono tante le coppie che hanno dovuto posticipare il matrimonio a causa del coronavirus, ma c’è anche chi ha scelto di non rinunciare al giorno scelto e di sposarsi ugualmente con testimoni e pochi intimi.

Ad ogni modo, qualunque sia stata la vostra scelta una cosa rimane certa: un matrimonio ai tempi del coronavirus è comunque un matrimonio, quindi un giorno speciale… solo decisamente più memorabile.

In questo articolo Villa Appia Antica vuole fornirvi una guida con ottimi consigli su come organizzare un matrimonio durante il coronavirus.

Matrimonio vs Coronavirus: vince l’amore (e l’organizzazione)

Come già anticipato, le restrizioni dei diversi DPCM sul coronavirus hanno costretto molte coppie a riprogrammare il matrimonio, mentre circa la metà delle stesse hanno deciso di festeggiare le nozze senza rimandare.

Dati alla mano, ciò che conta davvero e che non deve permettere ai futuri sposi di disperarsi, è che la sfida matrimonio vs coronavirus è stata vinta, come sempre, dall’amore, unito a tanta organizzazione e forza nel non scoraggiarsi.

Secondo il parere dei più noti wedding planner ci sono diverse questioni di cui occuparsi e da non sottovalutare, per chi ha deciso di posticipare il matrimonio a causa del coronavirus. Esaminiamole insieme.

Coronavirus = matrimonio rimandato

La problematica più urgente da affrontare è la seguente: il cambio data. Agli sposi di giugno e luglio 2020 si consiglia di spostare il matrimonio a dopo l’estate, in autunno o dicembre. Nonostante la maggior parte delle coppie sia più propensa a sposarsi nelle stagioni più calde, dunque nel mesi da maggio ad agosto, ci sono numerosi vantaggi per chi decide di sposarsi in autunno:

  • Altolà al sudore! Lo sposo (e la maggior parte degli invitati di sesso maschile) ha l’obbligo morale di indossare camicia e giacca per essere al top dell’eleganza, che mai come il giorno del matrimonio è dovuta. Il famoso detto: “Ho sudato sette camicie” può essere sfatato se si decide di sposarsi nei mesi meno caldi. Lo stesso vale per la sposa; sebbene gli abiti siano per lo più scollati e senza maniche, il peso del vestito con i tanti strati di velo e tulle “ripagano” con debito;
  • “Mi sposo in estate, perchè secondo il meteo non piove a giugno”. La certezza fino all’ultimo minuto non sarà mai tale. La delusione di un tempo non favorevole porta tante coppie ad ulteriori nervosismi che si aggiungono alla tensione che è già di prassi. In autunno ed in inverno invece, si è perfettamente consci che il tempo è pazzerello ed almeno da questo punto di vista la serenità è garantita;
  • Anche se adesso i software di grafica sono in grado di fare veri e propri miracoli, uno shooting fotografico con il cielo d’autunno ed il mare d’inverno non ha paragoni con un’afosa giornata d’estate. Trucco intatto e luci pazzesche: this is the right way!

Riprogrammare il matrimonio con il coronavirus

Carta e penna per i tradizionali, un foglio di Excel per i più tecnologici: posticipare e riprogrammare il matrimonio a causa del coronavirus richiede una certa organizzazione e praticità. In ordine di importanza occorre segnare i seguenti punti:

  1. Location
  2. Chiesa
  3. Comune
  4. Dj e animazione
  5. Fotografo
  6. Fioraio e party planner
  7. varie ed eventuali.

Per chi si è affidato ad un wedding planner, la maggior parte delle questioni, se non tutte, saranno gestite in prima persona dal professionista; per chi ha scelto il “fai da te” niente paura, con i giusti metodi si può fare tutto, anche ri-organizzare un matrimonio ai tempi del coronavirus.

Dopo aver steso l’elenco, diamo ufficialmente inizio al giro delle chiamate, che magari potrà essere diviso con il proprio partner o qualche parente di buon cuore. Tutte le referenze dovranno cercare di fornirvi due o più date (se la fortuna è dalla vostra parte), ancora disponibili per posticipare il matrimonio.

Una volta che le varie telefonate sono state concluse, attraverso l’incrocio delle “X” riuscirete ad individuare la data in cui saranno tutti disponibili. Ed ecco che il nuovo giorno del matrimonio è stata deciso. Il consiglio riguardo agli ospiti è quello di inviare loro un save the date digitale, dunque un promemoria, o tramite mail o attraverso i gruppi di Whatsapp.

In questa fase non bisogna aggiungere ansie inutili allo stress già accumulato: che sia un sabato o un giovedì, ciò che conta davvero è riuscire ad avere tutte le persone a voi più care del giorno del vostro “Sì”.

Per quanto riguarda invece gli abiti degli sposi, anche in questo caso non occorre allarmarsi. I più grandi atelier hanno assicurato che le collezioni del 2020 saranno riproposte nel 2021: nessuna sposa e nessuno sposo sarà mai fuori moda, soprattutto perché tutti gli sposi sono belli, sempre e comunque. Avvisate con largo anticipo gli atelier a cui vi siete rivolti per i vari appuntamenti di prova abito, perché la sanificazione dei locali richiede tempo e preparazione.

Matrimonio e coronavirus: ti aiuta Villa Appia Antica

Il matrimonio è un passo davvero importante. La tristezza di dover rimandare il matrimonio a causa del coronavirus è certamente tanta, ma nel momento in cui una coppia che si ama, felice di scegliersi, riesce a salire sull’altare, con un sorriso vero e sincero e non celato dalla mascherina, tutti i brutti pensieri diventano solo un ricordo lontano, di cui ridere tra venti, quaranta o cento anni.

Il tuo matrimonio è stato solo rimandato per il coronavirus, ma il vostro amore non conosce un limite di tempo, è in grado di aspettare, con pazienza e grandi sogni nel cassetto.

Guarda la gallery per scoprire la magia dei luoghi di Villa Appia Antica e scegli di festeggiare insieme a noi il giorno più importante della vita. Per fissare un appuntamento o per richiedere informazioni invia una mail all’indirizzo info@villappiantica.com o chiama il numero 338 9811445.

La location più romantica dove sposarsi a Roma ti aspetta, anzi vi aspetta!

Traduci »